Il radar meteorologico

Scarica la versione in formato PDF


Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d’acqua, cristalli di neve o grandine).
Il radar scansiona un’ampia porzione di atmosfera emettendo impulsi nelle microonde. Se il fascio di onde emesse incontra un ostacolo lungo il suo percorso parte della radiazione viene riflessa verso lo strumento. Grazie all’analisi del segnale riflesso è possibile ottenere informazioni sia sulla posizione dell’oggetto rilevato che sulla sua direzione e velocità (radar Doppler).
Il radar (RAdio Detection And Ranging) è nato negli anni ’30 in ambito militare come strumento di difesa contro gli attacchi aerei. Inizialmente i segnali generati dalla presenza in atmosfera di precipitazioni erano considerati dei disturbi da filtrare, solo dopo la Seconda Guerra Mondiale si è iniziato ad installare radar dedicati unicamente alla meteorologia.



Figura 1. Funzionamento del radar meteorologico.


il principio di funzionamento


I radar operano nello spettro delle microonde e vengono distinti a seconda della banda di frequenze in cui lavorano in S-band (da 2 a 4 GHz), C-band (da 4 a 8 GHz) e X-band (da 8 a 12 GHz).
L’atmosfera è in gran parte trasparente a questo tipo di radiazioni, il che permette al fascio radar di percorrere grandi distanze prima di essere attenuato. In presenza di idrometeore la radiazione emessa dal radar viene invece diffusa, in parte anche in direzione del radar stesso, secondo la teoria dello scattering di Rayleigh. La dimensione degli oggetti che il radar riesce a “vedere” dipende dalla lunghezza d’onda del fascio radar stesso; per poter utilizzare le leggi di Rayleigh è infatti necessario che la lunghezza d’onda sia molto maggiore del bersaglio. Lunghezze d’onda minori permettono di vedere quindi oggetti di dimensione minore a fronte però di una maggiore attenuazione del segnale. Il radar emette numeri impulsi compiendo una scansione a 360° a diverse elevazioni e contemporaneamente rileva il segnale “riflesso”.

Ostacoli fissi, come la presenza di barriere orografiche, danno luogo ad una forte eco riflessa che non corrisponde ovviamente ad un segnale di precipitazione. Per filtrare il dato, conservandone solo la parte meteorologicamente significativa, si possono utilizzare metodi diversi. I più semplici prevedono la realizzazione di mappe di eco radar realizzate a cielo sereno da sottrarre al dato misurato. Altrettanto usati sono meccanismi di filtro che sfruttano l’effetto doppler eliminando il segnale proveniente da bersagli con una velocità nulla.

L’organizzazione di tale centro viene portata avanti dall’Autorità di Bacino in concertazione con altri Enti ed Uffici della Provincia Autonoma di Trento e di quella di Bolzano, e segnatamente METEOTRENTINO e l’Ufficio Idrografico della Provincia Autonoma di Bolzano. In tale contesto, l’Autorità di Bacino ha curato in particolare l’installazione di un radar meteorologico, situato sul Monte Macaion, sul confine fra la provincia di Trento e quella di Bolzano a poca distanza dal Comune di Fondo in Val di Non. Tale strumento renderà possibile un servizio di monitoraggio e previsione (a breve termine) della precipitazione per la regione Trentino Alto Adige, ed in particolare per l’alto bacino del fiume Adige. Il presente lavoro è inteso a delineare sinteticamente la struttura, le caratteristiche e le finalità di tale strumentazione.


Stima dell'intensità di precipitazione


Il segnale direttamente misurato dal radar è detto riflettività (Z) e non corrisponde direttamente all’intensità della precipitazione. I valori di riflettività possono essere convertiti in valori di intensità di precipitazione (R) utilizzando la relazione Z-R di Marshall-Palmer che lega tra loro le due grandezze mediante parametri empirici. Questi coefficienti variano a seconda del tipo di precipitazione, stratiforme o convettiva, e al luogo in cui si verificano.



Figura 2. Immagine di riflettività. L’aumento del segnale in prossimità del radar è la cosiddetta “banda brillante”, indotta dalla presenza in quota di uno strato di neve in scioglimento intercettato dal radar.


Quando il radar intercetta la grandine in una nube temporalesca, il valore di riflettività aumenta molto e il calcolo dell’intensità di precipitazione può dare come risultato valori irrealisticamente elevati. Per tale ragione per calcolare la probabilità di presenza di grandine si utilizzano informazioni aggiuntive come la quota dello zero termico.

Una stima più accurata della precipitazione utilizza algoritmi complessi che cercano di compensare gli effetti dell’attenuazione dell’eco, in particolare quando le precipitazioni sono molto intense, o che tengono conto dell’intensificazione del segnale con la quota, la cosiddetta banda brillante, nella zona di passaggio dalla fase solida (neve) a quella liquida (pioggia).






Figura 3. Immagine di intensità di precipitazione stimato dalla riflettività radar. I valori più elevati di intensità (giallo – verde) sono in parte attribuibili ad una sovrastima nel segnale radar indotta dalla presenza della “banda brillante”.

Il radar di meteotrentino


Meteotrentino gestisce in collaborazione con l’Ufficio Idrografico della Provincia Autonoma di Bolzano il radar del Monte Macaion, posizionato al confine tra le due province a 1866 m sul livello del mare nel comune di Fondo in Val di Non. Si tratta di un radar Doppler in banda C utilizzato operativamente per monitorare fino ad un range massimo di 120 km.

"Far funzionare un radar meteorologico in mezzo alle Alpi è come piantare una tenda in una bufera di neve: l'utilità è ovvia, ma ci sono anche molti problemi".

Jurg Joss


Il radar del Monte Macaion consente di controllare gran parte del territorio delle due province ed è fondamentale per il nowcasting (previsione a brevissimo termine) delle precipitazioni. L’utilizzo di un radar meteorologico in ambiente alpino incontra però alcune difficoltà che è importante tenere ben presenti nell’analisi dei segnali radar.

La scansione dell’atmosfera è molto più semplice e uniforme se il radar è posizionato in ambienti pianeggianti e aperti. La presenza delle montagne finisce per schermare le valli retrostanti e costringe ad utilizzare angoli di elevazione maggiori.



Figura 4. Il radar del Monte Macaion.

Se si considera inoltre la quota a cui si trova il radar si può comprendere che la porzione di atmosfera osservata si trova, specie ai margini esterni del range del radar, a quote superiori a quelle in cui si sviluppano solitamente le precipitazioni, soprattutto nei mesi invernali. L’aumento della quota di misura ai limiti del range radar è influenzato anche dall’effetto della curvatura terrestre. Per questo motivo può accadere che il radar non sia in grado di intercettare con il suo fascio le precipitazioni stratiformi.

Leggere le immagini radar


Sul sito di Meteotrentino è disponibile l’animazione delle immagini radar di precipitazione nell’ultima mezz’ora aggiornata ogni 5 minuti.

Nelle immagini radar l’intensità della precipitazione è associata a diversi colori: nelle sfumature dell’azzurro appaiono le precipitazioni deboli, in verde quelle moderate e nelle sfumature tra l’arancio e il viola quelle via via più intense. Al viola nella scala di riflettività possono essere associate, nei mesi estivi, anche intense grandinate.

Dall’analisi della moviola radar è possibile dedurre la direzione di spostamento dei nuclei di precipitazione e l’eventuale tendenza all’intensificazione o all’indebolimento dei fenomeni. Ovviamente per un’analisi più accurata è fondamentale affiancare al dato radar l’analisi delle immagini satellitari e dei modelli di previsione.

Nell’analisi dei dati radar è inoltre necessario tenere presente le diverse caratteristiche delle precipitazioni nei mesi invernali o estivi.

Le precipitazioni nei mesi estivi hanno principalmente carattere convettivo e temporalesco. La loro formazione ha origine dall’instabilità atmosferica: il riscaldamento degli strati più bassi dell’atmosfera e l’eventuale transito di masse d’aria più fredda in quota provocano moti verticali delle masse d’aria che possono arrivare a coinvolgere l’intera troposfera (i primi 10 km circa dell’atmosfera terrestre). Le precipitazioni estive hanno quindi una grande estensione verticale. Altre caratteristiche sono un’estensione spaziale molto variabile (da fronti lunghi centinaia di km a piccole celle di qualche km2) e la possibilità di raggiungere elevate intensità anche in intervalli temporali molto brevi. Le celle temporalesche più intense possono dare origine anche a grandinate.

Le precipitazioni invernali sono invece generalmente di tipo stratiforme e hanno origine a quote minori rispetto ai fenomeni convettivi. Si tratta di precipitazioni generalmente più estese, di maggiore durata e più uniformemente distribuite.

Per i problemi già accennati nel paragrafo sul radar del Monte Macaion il fascio radar va ad analizzare quote via via maggiori man mano che si allontana. Questo non è un problema nel caso delle precipitazioni estive: le celle temporalesche raggiungono quote talmente elevate da essere intercettate dal radar anche ai limiti del suo range. Al contrario le precipitazioni invernali si trovano spesso sotto la zona di osservazione del radar. La classica immagine di precipitazione invernale prevede una zona più intensa attorno al radar e precipitazioni che vanno a scomparire man mano che ci si allontana. Ciò non corrisponde alla reale distribuzione delle precipitazioni ma è dovuto al cono di osservazione del radar che riesce a rilevare bene solo le precipitazioni vicine. Spesso in questi casi, in prossimità del radar si evidenzia la precipitazione in fase liquida, poi si intercetta la zona di scioglimento della neve che produce una forte eco di riflettività. Al crescere della distanza, e quindi a quote più elevate, la precipitazione è nevosa e il segnale di riflettività è più attenuato. A distanze ancora maggiori il fascio radar si trova sopra le nubi e quindi non è più in grado di rilevare precipitazioni.

Vale la pena sottolineare che un radar a singola polarizzazione, come quello del Macaion, non è in grado di distinguere la fase della precipitazione, ovvero discriminare tra pioggia e neve.



Figura 5. La figura soprastante è l’immagine del massimo di riflettività misurato lungo la verticale di ciascun punto. Sono ben identificabili alcune celle temporalesche ove il segnale raggiunge valori molto elevati. Le aree nei colori viola indicano, con buona probabilità, la presenza di chicchi di grandine.






Figura 6. Nell’immagine riportata sopra è illustrata l’intensità di precipitazione stimata a partire dalla misura di riflettività radar. I valori di intensità nella scala del rosso sono, con buona probabilità, sovrastimati a causa della presenza di grandine nelle celle temporalesche.




Provincia Autonoma di Trento - Meteotrentino - via Vannetti, 41 - 38122 Trento tel. 0461.494870        CSS valid   |   xHTML valid   |   email   |   mappa del sito  |   Privacy  |   Note legali